Support Joomla!
Navigation: Home Amicinemici
Amicinemici


Bruno di Marcello, Amicinemici, Italibri, 2002.

RaccontoAUTORE
Bruno di Marcello è nato a Caserta nel 1973. Dopo agli studi supreiori nella sua città, si trasferisce a Roma dove consegue la Laurea in Lettere presso l’Università “La Sapienza”. Allievo di Bernardino Zapponi, Di Marcello è autore di alcune raccolte di racconti. Svolge inoltre una intensa attività giornalistica collaborando con varie testate radiofoniche e televisive e occupandosi quasi sempre di spettacolo. Per la Italibri sta preparando 5 volumi di racconti in latino e altri due tesi della presente collana.

GENERE LETTERARIO
Narrativa per ragazzi. L’autore vuole far riflettere sulle differenze tra il Nord e il Sud Italia

TIPOLOGIA SEQUENZE
Nel racconto prevalgono le sequenze narrative, anche se non mancano sequenze descrittive.

NARRATORE
Il narratore è interno alla vicenda.

TEMPO
Il racconto è ambientato negli anni ottanta. L’ambiente è la scuola con i suoi alunni e il loro modo di comportarsi.

TRAMA
Tommaso è costretto a trasferirsi dal nord a Bari insieme alla famiglia. Nella nuova città Tommaso non riesce ad ambientarsi, soprattutto nella nuova classe. Divide il banco con Matteo, il quale inizialmente ritiene il compagno un po’ introverso e si schiera dalla sua parte. Matteo non ci mette  molto a ricredersi: a Tommaso ripugna l’idea di mescolarsi agli altri ragazzi. Il suo atteggiamento è sprezzante nei confronti di tutti. Un giorno Tommaso partecipa ad uno scontro a pugni con dei ragazzi della scuola, per la “questione meridionale”. Tommaso non avendo il fisico adatto a fare a botte viene malmenato. In seguito la classe partecipa ad un viaggio d’istruzione. Il padre di Tommaso non vuole che il figlio partecipi a causa del litigio. La madre invece pensa che questo viaggio può aiutare il ragazzo ad ambientarsi e a socializzare con gli altri ragazzi. Dopo varie discussioni, Tommaso va in gita. Nel pullman si siede accanto a Matteo, il quale, dopo aver letto tutta la “scorta” dei suoi  fumetti  preferiti  e dopo aver ascoltato tanta musica, decide di iniziare una conversazione con Tommaso. Tommaso confida a Matteo che gli piace una ragazza della classe, Chiara, e chiede all'amico di suggerirgli il modo di far colpo su di lei. Matteo e' colto di sorpresa, perché anch’egli interessato a Chiara. Quando si fermeranno nell’area di servizio, propone, faranno cadere dei dischi di musica che piacciono a Chiara: sarà l'occasione per scoprire che hanno gli stessi gusti.
Finalmente Matteo, Tommaso, Chiara e Caterina siedono uno accanto all’altro e parlano amichevolmente. Dopo qualche ora il gruppo arriva ad Aosta, dove alloggerà in attesa di partire il giorno seguente per Parigi. C’è una discoteca accanto all’hotel. Caterina convince Tommaso ad andare con lei. Fuori dal locale Matteo e Chiara si stanno baciando. Tommaso li vede e dal suo baccio parte un pugno che va diritto allo stomaco di Matteo. La zuffa della notte passa di bocca in bocca e Tommaso diventa così popolare che tutti i compagni lo salutano rispetto. In autobus i due ragazzi sono di nuovo uno accanto all’altro: dopo un paio d’ore di silenzio assoluto, Tommaso chiede a Matteo scusa e si preoccupa del male che gli ha fatto. Rotto il ghiaccio, si uniscono alla conversazione anche Chiara e Caterina.

PROTAGONISTI
- Tommaso, ragazzo del Nord
- Matteo, ragazzo del Sud

PERSONAGGI SECONDARI
- Chiara e Caterina
- I  genitori dei ragazzi
- Gli insegnanti e gli amici di scuola

TEMI
L’amicizia e l’amore.

CONSIDERAZIONI
Questo libro mi è piaciuto molto, perché racconta come è difficile inserirsi in un nuovo ambiente; ancora più problematico è fare amicizia. Solo grazie alla conoscenza e con il sentimento dell'amicizia si riescono ad abbatte tutte le barriere.

 

Giuseppe Raia

Classe I^Sezione A