Support Joomla!
Navigation: Home La solitudine...
La solitudine dei numeri primi


Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi, Mondadori, 2008.

RomanzoAUTORE
Paolo Giordano è nato a Torino nel 1982. Si è laureato in fisica all'Università di Torino. Con questo suo primo romanzo ha riscosso un enorme successo.

TRAMA
Alice è una bambina di sette anni, costretta dal padre a seguire lezioni di sci che odia profondamente. Una mattina durante le lezioni ella si allontana dal gruppo e precipita in un dirupo ferendosi ad una gamba.
 Rimarrà zoppa per tutta la vita e svilupperà un rapporto di odio-amore con il padre.

Mattia, di qualche anno più grande di Alice, è dotato di un' intelligenza acuta. Ha una gemella affetta da autismo, della quale prova vergogna. Un giorno sono entrambi invitati ad una festa. Mattia lascia la sorella in un parco promettendole di andarla a prendere a festa conclusa. Quando ritorna non la trova più: probabilmente è annegata in un fiume nelle vicinanze. In seguito a ciò Mattia avrà un rapporto complicato con i genitori.

I ragazzi diventano adolescenti. Alice, oggetto di scherno da parte dei suoi coetanei, ha problemi di anoressia. Mattia è un autolesionista. Entrambi fanno fatica a socializzare con gli altri ragazzi. Alice finalmente riesce a stringere amicizia con la ragazza più popolare della scuola, Viola, la quale le fa conoscere Mattia. Durante una festa organizzata da Viola, alla quale partecipa anche Mattia, il rapporto di amicizia tra le due ragazze si spezza: Viola accusa Alice di avere drogato lei e tutte le sue amiche.

Pur vivendo autonomamente la loro vita, Alice e Mattia finiscono sempre con il cercarsi anche dopo il liceo. Mattia si iscrive alla Facoltà di Matematica, mentre Alice, pur non avendo l'approvazione del padre che la vorrebbe laureata, sviluppa una forte passione per la fotografia. Nel frattempo la madre di Alice, Fernanda, si ammala di cancro e viene ricoverata in ospedale. Qui conosce un medico, Fabio Rovelli, il quale dimostra interesse per lei. Nonostante Alice sia attratta da Fabio, il suo pensiero corre sempre da Mattia.

Mattia si laurea e riceve una proposta di lavoro dall'estero che non sa se accettare. Racconta per la prima volta ad Alice di sua sorella, e in questa circostanza i due per la prima volta si scambiano un bacio. Dopo un litigio, i due si allontanano. Mattia decide dunque di partire. Nel frattempo muore Fernanda. Alice accetta la proposta di matrimonio di Fabio. Il matrimonio di Alice e Fabio sembra andare bene inizialmente. Alice sa di non poter avere figli in seguito all'interruzione delle mestruazioni provocata dall'anoressia. Fabio però vuole diventare padre. Dopo un pesante litigio i due si lasciano. Mattia nel frattempo vive una vita solitaria, nonostante i tentativi di un collega di trovargli una compagna.

Un giorno Alice vede una ragazza autistica che le ricorda Mattia e la storia della gemella scomparsa.  Spedisce quindi al giovane una loro vecchia foto con la scritta "torna subito". Mattia rientra quindi in Italia. I due si incontrano. Nonostante siano innamorati l'uno dell'altro, la loro storia d'amore non ha però sviluppo.

SPAZIO E TEMPO 
Giordano non fa mai riferimento ad un luogo preciso dove si svolge la vicenda, si limita a raccontare che si svolge in Italia. Parte della vicenda di Mattia si svolge del nord Europa, probabilmente in una delle città più prestigiose che ospitano un' importante Università.
Le indicazione temporali sono più precise. Esse presentano un ordine cronologico. Le storie di Alice e Mattia sono intrecciate e avvengono nello stesso tempo.  La narrazione presenta molte elissi: tra una vicenda ed un' altra trascorrono molti anni e all'inizio di ognuna di essa viene trascritto l'anno preciso. Le date più importanti sono :
- 1983, Alice cade nel burrone, diventando zoppa;
- 1984, scompare Michela, sorella gemella di Mattia;
- 1991, Mattia conosce Alice;
- 2007, Mattia rientra in Italia.

PROTAGONISTI
- Alice Della Rocca, zoppa dall'età di sette anni a seguito di un incidente sugli sci. Innamorata di Mattia, non riuscirà mai ad esprimere a voce alta il suo amore nei suoi riguardi.
- Mattia Balossino. E' dotato di un intelligenza particolare. Non riuscirà a socializzare con nessuno se non con Alice e Denis, suo compagno di banco.

ALTRI PERSONAGGI
- Michela Balossino, sorella gemella di Mattia. Nata con un ritardo mentale, scompare in un parco a seguito dell'abbandono da parte del gemello.
- Pietro e Adele Balossino, genitori di Mattia.
- Denis, compagno di banco di Mattia.
- Alberto Torcia, collega italiano di Mattia dopo che si è trasferito in Nord Europa.
- Nadia, amica di Alberto Torcia con la quale Mattia ha una breve relazione.

- Fernanda Della Rocca, madre di Alice, morta di cancro.
-
Avvocato della Rocca, padre di Alice.
- Soledad,governante in casa Della Rocca.
- Viola Bai, la ragaza più popolare della scuola di Alice e Mattia.
- Marcello Crozza, fotografo presso il quale lavora Alice.
- Fabio Rovelli, medico e marito di Alice.

NARRATORE 
Il narratore è esterno come anche la focalizzazione.

TEMI 
La storia è incentrata sul rapporto difficile tra i due ragazzi. I problemi fisici e mentali sembrano essere proprio la causa della loro solitudine che li emargina per tutta la vita.
Sono due storie difficili, segnate da traumi che renderanno i protagonisti  "due numeri primi", incapaci di aprirsi agli altri ma anche a loro stessi. In tutto il libro si ha l'illusione che possa succedere qualcosa che infine non accadrà mai.

STILE 
Il linguaggio utilizzato dallo scrittore è forte, incisivo in alcuni passaggi e descrizioni. La forma lessicale è sempre corretta e non presenta alcuna particolarità. Il discorso diretto e indiretto sono presenti in un costante equilibrio, e la loro alternanza serve a sottolineare i momenti più rilevanti della storia.

CONSIDERAZIONI 
Ho trovato il libro affascinante, in quanto l'autore ha saputo comunicare il dolore in maniera molto forte. Può sembrare privo di un lieto fine, ma quando Alice e Matteo si separano, sembra che ognuno trovi una specie di "pace" e anche un po' di speranza. Bellissima è l'idea dei numeri primi ai quali Giordano li associa.


Capuano Federica
Classe
I Sez. A